Lòtol

Un article de Wikipèdia, l'enciclopèdia liura.
Salta a la navegació Salta a la cerca
Decret d'annexion de Lòtol a Sant Damian (1929).

Lòtol (en italian, Lottulo) la es una anciana comuna[1] de la Val Maira, dins las Valadas occitanas. La es aüra administraa per la comuna de Sant Damian, dins la província de Coni e la region de Piemont de l'estat italian.

Istòria[modificar | modificar la font]

Al moment de l'unificacion italiana, la comuna de Lòtol (Lottulo) la es dins la província de Coni del Reialme de Sardenha. Lo 22 de genièr de 1929, lo regim fascista l'annèxa a la comuna de Sant Damian.[2] La es pas restablia a la liberacion.

Evolucion de la populacion[modificar | modificar la font]

Evolucion de la populacion de Lòtol
1861[3] 1871[4] 1881[5] 1901[6] 1911[7] 1921[8] 1931[9] 1936[10]
281 286 311 353 349 322 300 238

Referéncias[modificar | modificar la font]

  1. “Comune ISTAT "004809 Lottulo (Cuneo)" - Codice Catastale "E699"”, Storia dei Comuni. Variazioni Amministrative dall'Unità d'Italia.
  2. Decret reial n°2932 del 28 de novembre de 1928. "Riunione dei comuni di Lottulo, Paglieres e San Damiano Macra in un unico Comune con denominazione e capoluogo «San Damiano Macra»." Gazzetta ufficiale n°5 del 7 de genièr de 1929, pp.93-94. Tèxte sus normattiva.it.
  3. Recensament de 1861: Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio. Direzione di Statistica. Censimento del Regno d'Italia. 31 dicembre 1861. Torino: Stamperia Reale, 1863. En linha sus la biblioteca numerica de l'Istat.
  4. Recensament de 1871: Dizionario dei Comuni del Regno d'Italia con la popolazione secondo il censimento del 1871 le circoscrizioni amministrativa, elettorale politica e giudiziaria e con indicazione dei comuni nei quali trovansi uffizi postali e telegrafici, stazioni ferroviarie e scali marittimi compilato e pubblicato coll'approvazione del Ministerio dell'Interno. Terza edizione. Roma: Per gli eredi Botta. Tipografi della camera dei deputati. 1874. En linha sus la biblioteca numerica de l'Istat.
  5. Recensament de 1881: Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio. Direzione della Statistica Generale. Censimento della Popolazione del Regno d'Italia. (31 dicembre 1881). Roma: Tipografia Fratello Centenari, 1882. En linha sus la biblioteca numerica de l'Istat.
  6. Recensament de 1901: Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio. Direzione Generale della Statistica. Censimento della Popolazione del Regno al 10 Febbraio 1901. Popolazione legale dei singoli Comuni del Regno ai Termini del Regio decreto 29 dicembre 1901 e popolazione di fatto. Roma: Stamperia Reale Domenico Ripamonti, 1901. En linha sus la biblioteca numerica de l'Istat.
  7. Recensament de 1911: Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio. Direzione Generale della Statistica e del Lavoro. Ufficio del Censimento. Censimento della Popolazione del Regno al 10 Giugno 1911. Popolazione legale dei singoli Comuni del Regno ai Termini del Regio decreto 5 dicembre 1912 e popolazione di fatto. Roma: Tipografia delle Mantellate, 1912. En linha sus la biblioteca numerica de l'Istat.
  8. Recensament de 1921: Elenco dei comuni del Regno : secondo la circoscrizione amministrativa al 31 dicembre 1924 e loro popolazione residente e presente : censimento 1921. En linha sus la biblioteca numerica de l'Istat.
  9. Recensament de 1931: Istituto centrale di statistica del Regno d'Italia. VII Censimento generale della popolazione. 21 Aprile 1931-IX. Volume II. Popolazione dei comuni e delle frazioni di censimento. Parte prima: Italia settentrionale. Roma: Soc. An. Tipografia Operaia Romana. 1933. Anno XI. En linha sus la biblioteca numerica de l'Istat.
  10. Recensament de 1936: Istituto centrale di statistica del Regno d'Italia. VIII Censimento generale della popolazione. 21 Aprile 1936-XIV. Volume II. Province. Fascicolo 4. Provincia di Cuneo. Roma: Tipografia Ippolito Failli Romana. 1937. Anno XV. En linha sus la biblioteca numerica de l'Istat.